sito non istituzionale
il portale di VAL DELLA TORRE
Home Page Tornando A Casa

POESIE

Quei gatti di notte
M.D'Amato

Pausa d'emozione
C.Morello

Metropoli
R.Fassino

Torre di Sera
D.Cariola

FILASROCCA
Francesca R.

Terra Mia
N.Pierini

Potessi Vederti
N.Pierini

Riposer
N.Pierini

Val 'd la Tur
G.Visetti

La Libert
M.Uda

Vorrei Volare
M.Uda

Tornando A Casa
M.Uda


Val ‘d la Tur

Montagne nen tant grande
selvatica coron-a da ‘n pais,
a s’ausso sù a le mű-ande
grise con i cop gris.

La cinta, giù la val a scorda;
sal Mun Calv na chapèla
la Sacra Famija ricorda
e a fa la stra pì bela.

A s’aussa al Műzinè sovran
con soa gran cros ch’a veglia
su tuti i valigian,
e as vëd dai camp ‘d meglia.

Da lì a la Basa
passand per al Munt Cűrt
al panorama as lassa
gòde sensa lasse le cort.

An santuari al còl
a ricorda dla Madòna
l’aiut al montagnin Nicol
rompuse ‘n os an zona.

Munt Arpunt peui la Portìa
‘n doa a la Sosta,
neuva e ricostruija,
as fa an giugn la festa.

Davsin a j’è Lűnéla,
an còl ch’as ricorda
per la mort nen tant bela
‘d n’infermè sota la fiòca frèida.

La costa a sbara ‘l pian
a ferma j’euj coriuss
ma ‘n cambi, pian, dossman
an lassa silensios.

La montagna a cala
fasend al cel a fëtte
a canta na cicala
su, a la Basa dël Sète.

A van giù dal Rosselli an cel
d’Icaro i fieuj con ali tensue,
a smio tanti fior che ‘l cel
coloro d’seugn e da spluve.

Barun l’è ‘l mont
ch’a sara l’arc dla val
guardand Briun an front
con Giulet a caval.

An mes a sta blëssa
j'è 'd gent ch'a sta lassù
an pass, sensa amarëssa,
lontan al rabel, pì giù.

Le ca a montu l'erta
sa spantio 'd zora al mont,
sta val le nen deserta
j'è 'd vita, tut an mond.

Omni e fomne laborìos
tiro avanti onestament,
paso sempre silensìos
ringrassiand Nòsgnor content.

Sa fiòco parpaiole,
la sua blëssa seren-a
couerta 'd bianch le aiole
e 'l cheur a raseren-a.

Sa pieuv, j'è nen tristessa
a basto nen ja stis
per rouvinè la blëssa
da 'n post ad paradis.

E quand che 'l sol la basa
sta val l'è pròpe bela
a splend come la brasa,
ad luce e 'd bon-a neuvela.

Al Casternun a canta
caland giù dal crinal
con soa acqua 'ncanta
chi a monta per la val.

Le fior ai fan coron-a
le steile 'd neuit da specc
le bel nen avei pen-a
e vive sì, fin quand ch'as reg.

Sai nen, l'eve capilo
mi parlo 'd Val 'd la Tur
e devo pròpe dilo
che sì j'è 'n gran calor.
Val della Torre

Montagne non tanto alte
selvatica corona di un paese,
si alzano su agli alpeggi
grigi con i tetti grigi.

La cinta, giù la valle scorda;
sul Monte Calvo una cappella
la Sacra Famiglia ricorda
e fa la strada più bella.

Si alza il Musinè sovrano
con la sua gran croce che veglia
su tutti i valligiani,
e si vede dai campi di mais.

Da li alla Bassa
passando per il Mon Curt
il panorama si lascia
goder senza lasciar le corti.

Un santuario al colle
ricorda della Madonna
l'aiuto al montanaro Nicol
che s'è rotto un osso in zona.

Monte Arpone poi la Portìa
dove alla Sosta,
nuova e ricostruita,
si fa in giugno la festa.

Vicino c'è Lunella,
un colle che si ricorda
per la morte non tanto bella
di un infermiere sotto la neve fredda

Il costone sbarra il piano
ferma gli occhi curiosi
ma in cambio, piano, dolcemente
ci lascia silenziosi.

La montagna scende
facendo il cielo a fette
canta una cicala
su, alla Bassa delle Sette.

Vanno giù dal Rosselli in cielo
d'Icaro i figli con ali tinte,
sembrano tanti fiori che il cielo
colorano di sogni e di scintille.

Barun è il monte
che chiude l'arco della valle
guardando Brione in fronte
con Givoletto a cavallo.

In mezzo a sta bellezza
c'è gente che abita lassù
in pace, senza amarezza,
lontano il fracasso, più giù.

Le case salgono sull'erta
si spargono sul monte,
questa valle non è deserta
c'è vita, tutto un mondo.

Uomini e donne laboriosi
tirano avanti onestamente,
passano sempre silenziosi
ringraziando nostro Signor contenti.

Se nevicano fiocchi
la sua bellezza serena
copre di bianco le aiuole
e il cuore rasserena.

Se piove, non c'è tristezza
non bastano le gocce
per rovinare la bellezza
di un posto di paradiso.

E quando il sole la bacia
sta valle è proprio bella
splende come la brace,
di luce e di buona novella.

Il Casternone canta
scendendo dal crinale
con la sua acqua incanta
chi sale per la valle.

I fiori le fan corona
le stelle di notte da specchio
è bello non aver pena
e vivere qui, sin quando si regge.

Non so, l'avete capito
io parlo di Val della Torre
e devo proprio dirlo
che qui c'è un gran calore.



torna ad inizio pagina